Vai direttamente al menu di accessibilità.

Opzioni di accessibilità

ptenfrites
Contenuto della parte superiore della pagina
Ultime notizie

Gli insegnanti vengono formati per implementare un corso basato su un modello australiano

Nel 2021 verrà implementato il corso tecnico sull'automazione che avvicina la scuola alla realtà produttiva locale

  • Pubblicato: giovedì 12 dicembre 2019, 14h08

 L'IFSP ha compiuto un altro passo verso l'attuazione del progetto pilota del corso tecnico in Automazione Industriale basato sull'Australian Dual Model. Questo giovedì (12), dopo cinque giorni di attività, si è conclusa la fase di qualificazione dei docenti e dei tecnici dell'Istituto coinvolti nel progetto.

Durante la settimana di formazione, tenutasi nei campus di Bragança, Suzano e São Paulo, i partecipanti hanno potuto apprendere un po 'di più sul sistema australiano, che si basa sul fornire agli studenti le competenze e le qualifiche necessarie per inserirli nel mercato del lavoro. Mathew Johnston, consulente per l'istruzione e la ricerca presso l'ambasciata australiana in Brasile, era ancora una volta all'Istituto per parlare del modello. Il focus della formazione è stato quello di stimolare la percezione dei server che il successo del progetto dipende, in gran parte, dalla capacità delle persone coinvolte di conoscere le esigenze degli assetti produttivi locali.

Sono queste disposizioni che determinano le basi su cui vengono allestiti i corsi, spiega il direttore di Inova IFSP, Alexandre Chahad. Secondo lui, l'iniziativa di portare il modello è pienamente in linea con la legge sulla creazione degli istituti federali, che afferma che queste istituzioni devono essere vicine alle APL. "È un'opportunità per aumentare la pratica, per i nostri studenti messa in campo ”, rafforza Chahad.

Il modello australiano sarà implementato nel 2021, inizialmente nelle classi del corso tecnico in Automazione Industriale nella modalità concomitante / successiva al liceo del campus Bragança Paulista e Suzano, che hanno già esperienza nella metodologia di insegnamento che unisce studenti e industria. I percorsi sono stati progettati sulla base delle esigenze degli assetti produttivi di questi comuni.

Per il rettore IFSP, Eduardo Modena, l'accordo con l'Australia è molto promettente. Sottolinea che non si tratta semplicemente di collegare un corso alle esigenze del mercato, ma di promuovere opportunità di occupabilità come un modo per aumentare la permanenza e il successo dello studente nel corso. “L'aumento del rapporto tra teoria e pratica rende lo studente protagonista della sua traiettoria di appropriazione della conoscenza unita alla concretezza del mercato del lavoro”, afferma. Secondo Modena, la partnership tra la scuola e la “fabbrica” va a vantaggio dello studente, dell'istituzione e del settore produttivo.

Oltre alla formazione delle persone coinvolte nel progetto, le attività di questa settimana hanno incluso anche incontri con rappresentanti del settore privato e la creazione di gruppi di lavoro che avranno il compito di stabilire un contatto continuo con l'assetto produttivo, come uno dei criteri di analisi della qualità corso del progetto sarà la valutazione delle aziende. Il calcio d'inizio è stato dato anche alla creazione di un comitato di gestione che avrà il compito di stabilire i parametri per la valutazione dei corsi. Il comitato comprenderà rappresentanti dell'ambasciata australiana, del governo federale, del governo statale, dell'Istituto Paula Souza, del Consiglio regionale dei tecnici, del Decano dell'Istruzione, tra gli altri.

L'iniziativa per portare il modello australiano all'Istituto è arrivata da Inova e dall'International Relations Office (Arinter).

 

registrato in:
Contenuto di fine pagina