Vai direttamente al menu di accessibilità.

Opzioni di accessibilità

ptenfrites
Pagina iniziale > Riunioni scientifiche e tecnologiche: scrivi, iscriviti e partecipa > Ultime notizie > Relazione riscontrata tra i casi di Covid-19 e il lavoro nei frigoriferi
Contenuto della parte superiore della pagina
Ultime notizie

Relazione riscontrata tra i casi di Covid-19 e il lavoro nei frigoriferi

Lo studio coordinato da un professore IFSP fa parte di un progetto CNPq; i dati provengono dalla regione meridionale del Brasile

  • Pubblicato: venerdì, 29 maggio 2020, 18:50
  • Ultimo aggiornamento martedì 02 giugno 2020, 10h44

I ricercatori Fernando Mendonça Heck, professore presso l'IFSP a Câmpus Tupã, e Lindberg Nascimento Júnior, dell'Università Federale di Santa Catarina (UFSC), hanno prodotto una cartografia relativa ai casi di Covid-19 con i comuni che concentrano maggiormente i macelli nel sud di Paese. I risultati riscontrati dimostrano che, all'interno degli stati di questa regione, la marcata presenza dell'attività economica di macellazione di pollame e suini indica somiglianza quando riferita ai casi di Covid-19.

Lo studio fa parte di un progetto finanziato dal CNPq, dal titolo “Cartografia sanitaria dei lavoratori nei macelli in Brasile”, coordinato dal Professor Fernando Heck, ed è anche tra le azioni del progetto “Corona-GIS”, presso UFSC, di di cui fa parte il professor Lindberg Júnior. I casi confermati di Covid-19 sono stati analizzati in tutti i comuni della regione meridionale, fino al 20 maggio, e il numero di posti di lavoro (posti di lavoro) e stabilimenti associati ai macelli di pollame e suini, ottenuto tramite l'elenco annuale delle informazioni sociali (RAIS).

Covid-19 - Frigoriferi per uccelli

Una delle motivazioni per lo svolgimento della ricerca, secondo Fernando, è stata la crescita del numero di casi del nuovo coronavirus nelle città dell'interno della regione meridionale del Paese. Alcuni di questi comuni hanno una forte concentrazione di macelli avicoli e suini, che ha portato al divieto di alcuni stabilimenti, a causa della malattia, in città come Passo Fundo (RS), Lajeado (RS) e Ipumirim (SC). Secondo il professore IFSP, la città di Chapecó, nella parte occidentale di Santa Catarina, è diventata il luogo con il maggior numero di casi infettati dal virus, allo stesso tempo è il comune del Brasile che impiega di più nel settore della macellazione pollame e suina.

Fernando Heck afferma che il settore dei macelli registra già un numero preoccupante di infortuni alla salute dei lavoratori, direttamente collegati al processo produttivo, come Injuries By Repetitive Efforts. Con Covid-19 la situazione dei lavoratori in quella zona si è complicata ancora di più. “Sebbene (i frigoriferi) siano considerate attività essenziali, il processo produttivo riunisce i lavoratori in ambienti chiusi, con un basso tasso di ricambio d'aria e senza la distanza minima necessaria per evitare il contagio. Tali condizioni favoriscono la proliferazione del virus ”, afferma il ricercatore.

Mappa Covid-19 - Frigoriferi per carne di maiale

Secondo i ricercatori, la valutazione è stata effettuata sulla base della diffusione della malattia e la corrispondenza dei suoi modelli spaziali è stata ottenuta mediante parametri di concentrazione e propagazione. Per la produzione delle mappe sono stati utilizzati cerchi proporzionali per il rapporto tra dimensione e numero di segnalazioni di contagiati, obbligazioni e imprese per comune e tecniche geostatistiche.

“La conoscenza del pattern spaziale del Covid-19 non solo offre la possibilità di creare mappature e prodotti cartografici facili da assimilare, ma principalmente la produzione di conoscenza che aiuta nei processi decisionali per la protezione, la sicurezza e la salute dei lavoratori, soprattutto in settori che, per la maggior parte, non hanno avuto le loro attività paralizzate a causa della pandemia ”, ha detto Lindberg Nascimento Júnior.

I ricercatori pubblicheranno i risultati della ricerca su una rivista scientifica, ma hanno deciso di pubblicare in anticipo le mappe per aiutare gli organismi di controllo, come il Ministero pubblico del lavoro. “Al momento, suggeriamo che ci sia un'ampia indagine nelle aziende per identificare possibili casi. Successivamente, è importante adottare misure per ridurre il ritmo di produzione, la distanza tra i lavoratori sulle linee di produzione e per rimuoverlo, garantendo i salari ei diritti dei lavoratori contagiati. Queste sono alcune misure palliative che abbiamo sottolineato nell'articolo che stiamo scrivendo ", ha detto Fernando.

 

 

 

registrato in:
Contenuto di fine pagina